E’ Piero Giarda il nuovo presidente del consiglio di sorveglianza della Banca popolare di Milano. L’ex ministro per i Rapporti con il Parlamento del governo Monti è stato eletto dall’assemblea dei soci con 3.961 voti su 5.705 votanti. ”Spero di essere all’altezza del compito e di fare bene per la banca”, questo il primo commento del neo presidente.

Questa mattina l’assemblea degli azionisti della Bpm si è riunita al padiglione della Fiera di Rho per il rinnovo del consiglio di sorveglianza, alla presenza di più di 4.000 soci (deleghe incluse), chiamati a scegliere il nuovo presidente tra l’ex ministro Piero Giarda e il consigliere storico della banca, Piero Lonardi.

In mattinata, quando l’assise era composta ancora da soci azionisti, il voto capitario era già stato espresso per altri due punti all’ordine del giorno: l’estensione del termine per l’esecuzione dell’aumento di capitale da 500 milioni di euro al 31 luglio (passata a maggioranza) e per l’adeguamento dello statuto alle norme di legge in materia di quote rosa (passata all’unanimità). 

L’assemblea degli azionisti ha poi approvato a maggioranza la revoca del consiglio di sorveglianza. Il voto è stato espresso per alzata di mano alla presenza di 4.661 soci in proprio o per delega. “Il pacato applauso che c’è stato in sala dopo la votazione – ha commentato il presidente del consiglio di gestione in uscita, Andrea Bonomi – è un segnale che questa banca ha apprezzato il lavoro dei consiglieri svolto in questi anni”.

Con la vittoria di Giarda entrano dunque nel consiglio di sorveglianza – composto complessivamente da 19 persone – undici nomi proposti dalla lista sostenuta dai sindacati bancari nazionali (Fabi, Fiba, Fisac e Uilca) e da alcune associazioni di categoria lombarde come Assimpredil, Confartigianato e Coldiretti. Si tratta di Mauro Paoloni e Marcello Priori, che entrano in qualità di vicepresidenti, affiancati dai consiglieri Alberto Balestreri, Andrea Boitani, Angelo Busani, Donata Gottardi, Alberto Montanari, Giampietro Giuseppe Omati, Bruno Siracusano e Lucia Vitali. Della Lista concorrente “Popolare per davvero” siedono in consiglio, oltre a Lonardi e Simonelli, anche Roberto Fusilli e Flavia Minutillo. Il board si completa infine con la nomina dei due consiglieri proposti da Investindustrial in qualità di organismo d’investimento (Luca Raffaello Perfetti e Cesare Piovene Porto Godi) e con i rappresentanti dei soci storici Credit Mutuel e Fondazione Cari Alessandria (Carlo Frascarolo e Jean-Jacques Tamburini).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ex banchiere Modiano: “Con prelievo forzoso al 10% gettito di 113 miliardi”

next
Articolo Successivo

De Benedetti, per i soci austriaci di Verbund Sorgenia vale zero

next