Nella legge di stabilità approvata dalla Camera, c’è anche la concessione dei vitalizi ai familiari dei gravissimi invalidi vittime del terrorismo. Una vittoria a metà: “E’ stata recepita”, ha commentato Paolo Bolognesi, deputato Pd e presidente dell’associazione familiari vittime 2 agosto, “seppur non integralmente come da noi proposto. Il governo, che già quest’anno a Bologna si era solennemente impegnato in pochissimi mesi a risolvere la ormai decennale incompiuta attuazione della legge, ha anche concordato con le Associazioni che tutti i punti prioritari rimasti ancora in sofferenza, riguardanti in gran parte aspetti pensionistici, verranno risolti entro il 9 maggio 2014, giorno della memoria delle vittime di terrorismo e delle stragi di tale matrice. Verranno così finalmente superati gli ostacoli, supportati da motivazioni infondate, che finora sono stati frapposti alle giuste richieste delle Associazioni delle vittime”.

Festeggia il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Graziano Delrio: “Con l’emendamento che il Parlamento ha approvato oggi nella legge finanziaria, il Governo prosegue il cammino per non dimenticare le vittime del terrorismo e le loro famiglie. E’ stato un atto dovuto, come abbiamo detto a Bologna nell’onorare la città, le sue lacerazioni e condannare la strage”. Con l’approvazione dei vitalizi, dopo decenni, si ottiene – sottolinea Delrio – un primo atto concreto di sostegno ai famigliari delle persone rimaste invalide a causa delle stragi. In questa fase di enormi difficoltà è da considerarsi un risultato non scontato perché oggi queste famiglie possono contare su qualcosa di reale”.

“Per i risarcimenti ai parenti delle vittime – conclude Delrio – provvedimento molto più complesso, Governo, Parlamento e Inps insieme dovranno dal prossimo anno lavorare per trovare il giusto equilibrio affinché sia riconosciuto il sacrificio dei nostri concittadini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Pillola del giorno dopo 24 ore su 24”, Bologna dichiara guerra agli obiettori

prev
Articolo Successivo

“E la volpe disse al corvo”, a Bologna il teatro di Castellucci in dieci spettacoli

next