Non solo nella Terra dei fuochi, una discarica di rifiuti tossici della camorra si troverebbe anche in Toscana: a Prato. Lo rivela il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti in una dichiarazione ripresa in esclusiva dall’agenzia americana Associated Press. Il traffico di sostanze nocive verso i paesi dell’Est si sarebbe fermato anche nella capitale dell’industria tessile toscana, e qui sarebbero state interrate. Ma gli investigatori si dichiarano sorpresi dato che nessuno era a conoscenza della vicenda e al momento non risulta ci siano indagini in corso.

Già il 21 novembre la Fondazione Caponnetto di Firenze aveva denunciato che la Toscana, come la Campania, venne individuata dal clan dei casalesi come possibile terra di sversamenti. Una notizia che arriva insieme a un altro elemento riportato da Il Tirreno: 20 anni fa gli accordi tra imprenditori e camorristi per trasportare i rifiuti tossici a Castelvolturno, Giugliano e Pianura, tra le province di Napoli e Caserta, venivano stretti proprio in Toscana, a Viareggio (Lucca).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inquinamento atmosferico, la linea dura della Commissione europea

next
Articolo Successivo

Tutela del paesaggio, fuori i mercanti dal colle di Leopardi – Diritto di replica

next