Non solo nella Terra dei fuochi, una discarica di rifiuti tossici della camorra si troverebbe anche in Toscana: a Prato. Lo rivela il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti in una dichiarazione ripresa in esclusiva dall’agenzia americana Associated Press. Il traffico di sostanze nocive verso i paesi dell’Est si sarebbe fermato anche nella capitale dell’industria tessile toscana, e qui sarebbero state interrate. Ma gli investigatori si dichiarano sorpresi dato che nessuno era a conoscenza della vicenda e al momento non risulta ci siano indagini in corso.

Già il 21 novembre la Fondazione Caponnetto di Firenze aveva denunciato che la Toscana, come la Campania, venne individuata dal clan dei casalesi come possibile terra di sversamenti. Una notizia che arriva insieme a un altro elemento riportato da Il Tirreno: 20 anni fa gli accordi tra imprenditori e camorristi per trasportare i rifiuti tossici a Castelvolturno, Giugliano e Pianura, tra le province di Napoli e Caserta, venivano stretti proprio in Toscana, a Viareggio (Lucca).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inquinamento atmosferico, la linea dura della Commissione europea

prev
Articolo Successivo

Tutela del paesaggio, fuori i mercanti dal colle di Leopardi – Diritto di replica

next