Gasparri come le è saltato in mente di fare una polizza vita con i soldi del gruppo del suo partito?
Quella che lei chiama polizza, per me è un investimento come un altro che mi era stato proposto dalla banca.

E allora perché in caso di morte come beneficiari erano indicati i suoi eredi?
Io non ho avuto nessuna conversazione con la banca sulla mia morte. Come la maggior parte degli italiani peraltro. E sto facendo le corna.

Perché non ha indicato come beneficiario il partito?
Perché non mi è stato chiesto da nessuno. Le faccio un ragionamento al contrario: mettiamo che non avessi fatto questo investimento che mi era stato consigliato dalla banca. Le chiedo: cosa sarebbe stato dei soldi sul conto in caso di mia morte? E rifaccio le corna.

Il conto era del gruppo e sarebbero andati al gruppo. La polizza no.
Lo dice lei. Anche il conto era intestato a me in qualità di presidente e si sarebbe posto lo stesso problema.

Bè, ci sarebbe stata una causa con i suoi eredi e il partito avrebbe vinto perché il conto è intestato a nome suo ma per il Pdl, con la polizza invece i suoi eredi forse l’avrebbero spuntata.
Ma che ne so io. Io non mi sono posto il problema.

Gasparri, chi è il geniale funzionario che le ha proposto questo investimento con i soldi del gruppo e beneficiari i suoi eredi?
Il direttore dell’agenzia della Bnl del Senato.

Ma non era meglio un Bot? Non ci sarebbe stata nessuna indagine.
Probabilmente no, è la banca che è venuta da me. Non mi hanno mai fatto presente cosa sarebbe accaduto in caso di morte. Non era come per la polizza vita che ti fanno firmare a inizio legislatura.

Lei ha un’altra polizza vita?
Come tutti i parlamentari, ce la paghiamo con i contributi. Appena eletto ti fanno firmare un foglio sul quale indichi il beneficiario, che è segreto. Il funzionario ti spiega bene tutto però. Stavolta nessuno me lo ha chiesto, me lo ricorderei.

La Procura stigmatizza l’uso del contante del gruppo per 2,8 milioni in due anni e due mesi. Non c’è un rendiconto e non è bello.
La legge era fatta così. Io e Quagliariello abbiamo fatto il nostro dovere per cambiarla. La procura dice però anche che non c’è reato.

Ma dice che c’è sulla polizza. Ma è vero che è stata la segretaria amministrativa del Pdl, Daniela Lucentini, a chiedere la chiusura della polizza?
Lo ha deciso il gruppo quando abbiamo chiuso i conti a fine legislatura. La Lucentini è una mia dipendente non è una mia controparte, tanto che lei continua a collaborare con il gruppo di Forza Italia.

Gasparri, quando ha deciso di mettere i soldi nella polizza e poi di svincolarli ha fatto tutto da solo?
Il direttore della banca è venuto da me e io ho dato incarico ai miei collaboratori. E sono stato sempre io a decidere di disinvestire a fine legislatura.

Insomma non l’hanno presa con le mani nella marmellata?
Non c’è nessuna marmellata e nessuna mano.

da Il Fatto Quotidiano del 18 dicembre 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, fondi partiti: arrestato Piras (Pdl). Coinvolti in 65, anche candidata Pd

next
Articolo Successivo

Quagliariello: “Borse di studio e corsi? A Magna Carta solo 57mila euro”

next