Un poliziotto ha ucciso un ispettore nel carcere Lo Russo Cotugno di Torino poi ha rivolto l’arma contro se stesso, togliendosi la vita. La sparatoria è avvenuta all’interno del bar del carcere verso le otto. L’ispettore è morto subito mentre l’assistente capo, che ha fatto fuoco contro il collega, è stato soccorso ed è arrivato in condizioni disperate in ospedale, dove è deceduto poco dopo. Ancora non si conoscono le ragioni del gesto, ma le prime ricostruzioni parlano di un litigio per futili motivi, forse provocato da divergenze sulle licenze di Natale.

La vittima, responsabile degli atti giudiziari,  si chiamava Giampaolo Melis e aveva 52 anni. A sparare è stato Giuseppe Capitano, 47 anni. Secondo una prima ricostruzione, i due agenti si sono incontrati al bar dell’istituto penitenziario prima di iniziare il turno. Secondo quanto riportato da alcuni colleghi, prima di fare fuoco, Capitano ha detto all’ispettore: “Cosa mi state combinando tu e il comandante?”. Il 52enne è stato colpito all’addome e alla testa ed è morto sul colpo. L’assistente, invece, si è sparato alla gola e al cranio.

“Siamo tutti sconvolti per questa tragedia che per noi è quasi famigliare”. Lo ha detto Giuseppe Forte, direttore del carcere di Torino. “Il perché credo che non potremo mai saperlo. Si suppone possano essere dei malintesi personali. Non è possibile ci fossero problemi sulle vacanze natalizie perché avevano ruoli diversi”, spiega Forte. “Erano persone corrette che lasciano un grande vuoto tra di noi”.

“E’ una notizia  agghiacciante – riferisce Donato Capece, segretario generale Sappe –. Non si conoscono ancora le ragioni del gesto. E’ una tragedia che colpisce tutta la Polizia Penitenziaria di Torino che, tra l’altro, è quotidianamente provata da difficili, pericolose e stressanti condizioni di lavoro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lampedusa, Abu Ghraib tra noi?

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco compie 77 anni e festeggia il compleanno con quattro clochard

next