A quel Renzi lì, no, non quello di oggi che va in copertina su Vanity Fair. Quello prudente e compunto, sì, ancora non amico di stilisti e registi, i confusionari, sbrilluccicosi, eccessivi anni Ottanta non potevano piacere. Il segretario ha comunicato all’assemblea democratica il proprio entusiasmo per la quotazione in Borsa di Moncler (italiana). Eppure, in questa politica simbolista e non più simbolica, idolatrica e non più ideologica, Renzi l’ha buttata lì con l’accurata improvvisazione che lo rende mediaticamente vincente: “Avere il Moncler, negli anni Ottanta, significava essere un paninario. Io non li sopportavo”.

Questa è la reazione dei giornali di oggi. Vi può sembrare maniacale, e un po’ stupido, però un’accusa più pesante, definitiva e micidiale il sindaco di Firenze non l’aveva mai rinfacciata a Enrico Letta, che considera quel decennio “straordinario”. E lo ripete da sempre. Fu persino redarguito da Rosy Bindi, cinque anni, allora ministro: “Rappresentò il disimpegno. Un errore elogiarlo”. Ammesso che l’impegno, secondo il codice Bindi, sarà qualcosa di piuttosto noioso: la sfida generazionale fra Enrico e Matteo, che preferiscono farsi chiamare per nome, è un passatempo per i giornalisti. E noi ci abbocchiamo, ogni volta, ci facciamo articolesse d’archivio, interviste seriose, pareri intellettuali. Che siano meglio gli anni Ottanta o Novanta, che siano più fighe le mode di Renzi o di Letta, non ha interessato e non interessa nessuno.

E poi non è misteriosa l’adolescenza di Renzi, non certo un frequentatore di feste dell’Unità e, appunto, panini con salsicce. Questa era la reazione che i giornali di oggi non hanno avuto. Può sembrare masochismo di categoria, ma i giornali, spesso, fanno di tutto per non essere letti. Quando s’appassionano a queste cazzate per iniziati da salotto (o da Twitter, il nostro salotto contemporaneo), buone per un aperitivo o per il dopo-sbornia. Non vi capita mai, da sbronzi, di litigare su Happy Days e sui Robinson? Ora che vuol dire essere anni Ottanta o Novanta? Azzardo: non sapere che cos’è, a spanne, il 2013 e, soprattutto, l’anno prossimo e più prossimo ancora.

Renzi e Letta vanno a cesellare icone (belle o brutte) di un passato che ormai è passato. Per robe serie, non Drive In: la scala mobile, il sorpasso di Pil agli inglesi, i grandi investimenti per le infrastrutture, l’onorabilità di Sandro Pertini. Vorremmo sapere, magari, l’Italia degli anni Venti che s’immaginano Letta e Renzi. Con la preghiera che sia diversa dal secolo scorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Copyright: la lotta del governo

next
Articolo Successivo

SIAE: Caro Maestro Paoli, sulla ‘copia privata’ forse ha preso una stecca

next