In piazza Castello a Torino, dopo i tafferugli con i manifestanti, gli agenti di Polizia, come gesto distensivo per allentare la tensione, si tolgono i caschi. La gente applaude e urla: “Bravi, siete come noi”. Un gesto che ha creato comunque scalpore. E che si sarebbe ripetuto anche a Rho (Milano)Genova con alcuni agenti impegnati in un’analoga manifestazione. Tanto che la Questura torinese è dovuta intervenire con una nota e  ha spiegato che “rientra nella norma la procedura, essendo venute meno le ragioni di servizio per il mantenimento dell’elmetto protettivo del capo”  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forconi, attivisti di Latina: “Se voteranno fiducia a governo, invaderemo Roma”

next
Articolo Successivo

Sciopero Forconi, presidi in tutta Italia: “Fermiamo il Paese. Non siamo violenti”

next