Prima criticava le sue teorie, ora si trova al suo fianco. Filippo Taddei, scelto dal neo segretario del Pd Matteo Renzi come responsabile economico del partito, non è sempre stato d’accordo con il programma del sindaco di Firenze. L’economista, che non ha mai nascosto l’apprezzamento per Pippo Civati, in un articolo dal titolo “Cosa manca alla Matteonomics per far ripartire l’Italia” pubblicato a luglio su Linkiesta ha dichiarato chiaramente che Yoram Gutgeld – consigliere economico di Renzi – “offre buone proposte, ma mancano idee condivisibili su riforma fiscale e mercato del lavoro”.

“Accanto ad alcune ottime proposte che si basano sull’esperienza manageriale del proponente e che discendono da una impostazione analitica fondamentalmente corretta, ci sono invece due aspetti cruciali e difficilmente convincenti”, scriveva Taddei. “Il primo è un’idea piuttosto discutibile di riforma fiscale che sottovaluta gli incentivi individuali e, in particolare, offre un’idea molto rischiosa del finanziamento della riduzione dell’imposta sul reddito; il secondo è l’assenza del desiderio di prendere di petto l’estrema dualità del nostro mercato del lavoro con un’idea di riforma che favorisca la stabilizzazione lavorativa”.

L’economista, che insegna alla School of Advanced International Studies (SAIS) – The Johns Hopkins University, si occupa principalmente della relazione tra il mercato del credito e l’economia reale. Nel 2012-13 ha ricevuto la Lamfalussy Fellowship dalla Banca centrale europea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie, vince il Partito democratico

prev
Articolo Successivo

Primarie Pd, tre test per Renzi: maggioritario, finanziamento partiti e sinistra liberale

next