ludovico_vicoQuello che vedete nella foto è l’ex onorevole del Pd Ludovico Vico.

Oggi non è più parlamentare.

Ha ricevuto 49 mila euro dai Riva e ora si è pentito. “Faccio ammenda, fu un errore ricevere un contributo di 49 mila euro dai Riva per la campagna elettorale del 2006”, ha dichiarato. 

“Parlare oggi di Ilva e Taranto – aggiunge – è come tentare di fermare uno tsunami a mani nude. Troppa la rabbia, troppo il dolore”.

Alla luce di quanto è accaduto, Ludovico Vico oggi non li prenderebbe più quei soldi. Così sembra far intendere. Ma sarebbe un bel gesto se – dopo il pentimento – si ravvedesse donando a Natale quei soldi ad una mensa dei poveri. 

Potrebbe seguirlo a ruota Pierluigi Bersani.

Non fermeranno lo tsunami del dolore ma allenteranno la tenaglia della loro coscienza.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo: “Fiducia l’11 dicembre”. Renzi: “Dopo le primarie decidiamo come votare”

next
Articolo Successivo

Governo Napolitano: il fallimento della politica e delle riforme

next