Il 20 Novembre 2013, nella Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia, data in cui nel 1989 venne approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, il Ministro Cancellieri si è dimenticata di circa 60 bambini che attualmente condividono con le loro madri la detenzione all’interno delle prigioni italiane.
 
E ciò nonostante il Centro di Accoglienza Padre Nostro fondato dal Beato Puglisi e la Conferenza Regionale Volontariato e Giustizia della Sicilia, San Vincenzo de Paoli, Sant Egidio, Madonnina del Grappa, Giovanni XXIII Le abbiano inviato una prima richiesta di incontro in data 3.02.2012 per affrontare la tematica della “detenzione infantile” ed un successivo sollecito in data 13.08.2012. Da allora nessuna risposta.
 
Solo oggi abbiamo capito il perché di tale mancato riscontro: il Ministro risponde esclusivamente al telefono e purtroppo noi non abbiamo il numero del suo cellulare…Pertanto chiediamo a chi ne sia in possesso di volercelo recapitare. Grazie.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carceri, volontariato e ‘gratuità’. Non sminuiamo le professionalità

prev
Articolo Successivo

Uk, centro diagnosi Hiv in una chiesa battista. “Chi è infetto non è un peccatore”

next