“All’interno di questa logica”, ossia di un “blocco” fieristico nazionale, in grado di competere a livello internazionale, “il Motor Show può restare dov’è”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, nel corso del suo intervento alla Consulta sociale di Coop Adriatica a Bologna.

Parlando a margine della consulta, il ministro ha spiegato che “il sistema fieristico italiano come complesso è un complesso che fa fatica a competere con altre grandi realtà fieristiche europee. Dobbiamo ragionare come sistema delle fiere Italia – ha proseguito – e non creare competizione tra fiere italiane, perché la vera competizione avviene sul mercato più ampio che è di dimensione europea“.

Quindi, ha concluso, “da questo punto di vista, occorre un accordo tra le fiere per fare blocco: dentro questa logica le manifestazioni principali che caratterizzano le fiere potrebbero rimanere dove sono”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, la prima orchestra nata col crowdfunding. “Così emergono i talenti”

prev
Articolo Successivo

Piacenza, attentato incendiario contro la caserma dei Carabinieri

next