Il parlamento ucraino ha bocciato tutti e sei i progetti di legge per il ricovero all’estero dei detenuti. Norma che avrebbero potuto consentire alla leader dell’opposizione in carcere Iulia Timoshenko di essere curata in Germania. L’ex premier è in condizioni di salute precarie, anche a causa delle dure condizioni detentive. La liberazione di Timoshenko è per l’Unione europea una delle condizioni per la firma di un’intesa con Kiev a fine mese.

La Verkhovna Rada (il parlamento) si è riunita oggi per discutere alcune riforme richieste proprio dall’Ue per la sigla di un accordo di associazione e libero scambio. All’ordine del giorno c’era anche la norma che avrebbe consentito di sbloccare il caso Timoshenko. Condannata a sette anni di reclusione, la sua liberazione è una delle condizioni poste da Bruxelles per la firma dell’intesa. Ma i membri del partito delle Regioni del presidente Viktor Yanukovych hanno votato no, mentre i veterocomunisti di Petro Simonenko non hanno partecipato al voto. I parlamentari dell’opposizione, gli unici a votare a favore hanno reagito cantando “vergogna, vergogna” in aula. In mattinata sono stati invece approvati in seconda lettura gli emendamenti alla legge per le elezioni legislative chiesti dall’Ue.

Due giorni fa il parlamento ucraino aveva concluso una seduta senza neanche toccare il caso Timoshenko e aveva rimandato il dibattito a oggi. Fino a ieri comunque – in una riunione di un gruppo di lavoro parlamentare a cui hanno assistito anche gli osservatori Ue, Pat Cox e Aleksander Kwasniewski – maggioranza e opposizione non avevano ancora trovato una soluzione condivisa alla vicenda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Da Berlino alla Palestina, quanti muri ancora da abbattere

prev
Articolo Successivo

Regno Unito, spot Labour: “Bollette care”. Ma tra gli intervistati c’è un miliardario

next