sardegna-alluvioneL’alluvione di lunedì scorso in Sardegna ha causato una tragedia enorme. Mai vista una cosa del genere. Sedici morti e ancora un disperso. Famiglie intere e piccoli innocenti morti a causa di un’alluvione. Paesi devastati e infrastrutture crollate come castelli di sabbia. Un disastro spaventoso. Case e attività commerciali distrutte per sempre. Vedere direttamente certe cose ti sconvolge nel profondo del cuore. La forza dell’acqua in poche ore ha colto di sorpresa tante famiglie e intere città. Questi giorni è il tempo del dolore e della misericordia. Tante persone e tanti volontari si stanno adoperando, con spirito di fratellanza, per cercare di aiutare i tanti sfollati. Ma come ha detto il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania, Dott. Rossi, dopo dovrà essere il tempo della giustizia. E sì, quello che è accaduto lunedì scorso, non può essere attribuito solo all’alluvione.

A Olbia, ad esempio, in questi ultimi dieci anni è stato costruito senza regole e senza rispettare minimamente l’ambiente. Si è costruito nei letti dei fiumi e si sono ostruiti tutti i vari canali di scolo delle acque. Abusi edilizi di ogni genere. Ad Olbia dal 1997 al 2007, sindaco del Pdl Settimo Nizzi, sono stati costruiti dal nulla 23 quartieri e fatti ben 17 piani di risanamento.

E come se non bastasse con tragica fatalità il Presidente della Regione Ugo Cappellacci proprio il giorno della tragedia presentava il nuovo piano paesaggistico. E con l’assurdità del partito del cemento il nuovo piano voluto da Cappellacci dà la possibilità, modificando le precedenti normative, di poter costruire più vicino ai fiumi e ai suo canali. Una cosa vergognosa. Denunciata varie volte dall’ex Presidente della Regione Renato Soru, il quale proprio per difendere il suo piano e le norme che mettevano finalmente dei vincoli alla speculazione selvaggia edilizia si dimise poco prima del finire del suo mandato. Queste tragedie non devono accadere.

E le responsabilità devono e possono essere accertate. Non è possibile fare finta di nulla e pensare che tutto accada solo per colpa della natura. Le colpe invece si deve avare l’onestà intellettuale di cercarle li dove sono. Ed è innegabile che chi in questi anni abbia sempre parlato di prevenzione e di ambiente sia sempre stato inviso e criticato. E la critica più assurda era ed è sempre la stessa: vuole fermare l’edilizia e fermare lo sviluppo. L’ingordigia degli speculatori e la compiacenza anche delle istituzioni e di enti che dovrebbero controllare creano poi dei disastri che siamo costretti a piangere. E mentre le cose possono essere recuperate, le vite umane sono perse per sempre. Ed allora basta fare finta di nulla.

Basta credere che la salvaguardia dell’ambiente e il rispetto delle regole edilizie siano cose poco utili e poco remunerative. Anche i cittadini devono finirla di pensare che chi parla di certi argomenti sia contro lo sviluppo e contro il turismo. Occorre più rispetto della natura e più soldi per investire sulla bonifica dei territori. In queste ore il popolo sardo sta dimostrando una grande forza e una grande unione e solidarietà. Tanti imprenditori, tante famiglie e tante persone stanno dando aiuto e assistenza ai tanti sfortunati. I danni sono enormi e ingenti. Molti hanno perso tutto. E bisogna stare loro vicino soprattutto quando le luci dei mass media saranno spente. Il popolo sardo è forte e orgoglioso.

E anche questa volta si rialzerà con la proverbiale dignità. Ma basta speculazione edilizia e basta fare finta di nulla. La magistratura faccia il suo dovere sino infondo e accerti veramente le eventuali responsabilità politiche. Forza Sardegna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disastri ambientali, ‘il ciclone in Sardegna è colpa del riscaldamento globale’

next
Articolo Successivo

Strage di ulivi in Puglia, Zaccagnini: “Un bluff”. Anzi no: “Ho esagerato”

next