Festival di Roma, vince Tir di Alberto Fasulo. Dopo il Leone d’Oro a Sacro GRA a Venezia, il cinema tricolore continua a fare strada, e bissa con il Marc’Aurelio d’Oro al road-movie del regista friulano: “Mi ha cambiato la vita, un atto di coraggio durato 5 anni, mi sono preso i miei rischi”. Con intenzioni documentaristiche, Fasulo ha chiesto a un attore, lo sloveno Branko Zavrsan, di prendere la patente e portare sul grande schermo le gioie (una sola: lo stipendio tre volte più alto di quello di insegnante a Rijeka) e i dolori dei camionisti, macinando 30mila chilometri in giro per l’Europa.

Seppur con le ruote un po’ sgonfie (su tutte, perché un attore e non un vero autista alla guida, qual è il surplus di senso?), Tir era il migliore degli italiani in Concorso – gli altri due, Take Five e I corpi estranei sono rimasti a bocca asciutta – ma risulta difficile capire come il regista americano James Gray, presidente di giuria, abbia potuto preferirlo a due film, Dallas Buyers Club e Her, che letteralmente viaggiavano su un altro pianeta.

Forse hanno pagato la non anteprima mondiale al festival capitolino? Però, il vincitore morale dell’ottava edizione parrebbe proprio Dallas Buyers Club: l’AIDS-movie di Jean-Marc Vallée vince il premio del pubblico, dell’Agiscuola e dell’AIC per la fotografia, mentre dalle mani di Gray e giurati gli arriva “solo” il premio miglior attore allo strepitoso Matthew McConaughey. Analogamente, la futuristica rom-com di Spike Jonze, Her, vale a Scarlett Johansson quello per la migliore attrice : scelta interessante, Scarlett è solo voce nel film, che potremmo ritrovare anche agli Oscar, se l’Academy rivedesse le regole. Il giapponese Kiyoshi Kurosawa incassa la miglior regia e il miglior contributo tecnico con il thriller sui generis Seventh Code, il premio speciale della giuria va al romeno Quod erat demostrandum, quello per la sceneggiatura al turco I Am Not Him, mentre il cast dell’iraniano Gass vince per attori/attrici emergenti. Sempre dal Concorso arriva la migliore opera prima/seconda decretata dalla giuria di Roberto Faenza: Out of the Furnace di Scott Cooper, per cui era stata millantata la presenza degli interpreti Christian Bale e Casey Affleck.

Non s’è visto nessuno: una delle pecche dell’edizione, la mancanza di queste e tante altre star, culminata nella premiazione senza McConaughey, la Johansson e pure Kiyoshi. Una sola giornata clou, quella di Hunger Games, Roma 2013 registra comunque un +20 per cento di biglietti staccati e il 70 per cento di occupazione media delle sale. Se il regista culto Larry Clark, presidente di giuria a CinemaXXI, opta per Nepal Forever di Aliona Polunina e a Prospettive Doc Italia la spunta Dal profondo di Valentina Pedicini e ad Alice nella Città il finlandese The Disciple, ancora da assegnare è l’identità della manifestazione: il direttore Marco Muller parla di “Festaval”, ma la crasi tra festival e l’antica festa è tutt’altro che compiuta.

Per il 2014, se ci sarà ancora (oltre a Locarno, le sirene di San Sebastian), Muller pensa a un inizio a metà novembre, dopo l’American Film Market: Torino ringrazia, la coincidenza tra i due festival sarebbe perfetta. Sul Tevere, viceversa, il matrimonio con il Fiction Fest pare cosa certa: altra confusione?

Il Fatto Quotidiano, 17 Novembre 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ozu Film Fest, trent’anni dopo si celebra il “cinepanettone” con Vanzina e Calà

next
Articolo Successivo

“Music Life”, la vita di Enzo Avitabile nel documentario del premio Oscar Demme

next