Fermi tutti. Altro che Cancellieri, Vendola e le loro imbarazzanti telefonate! Il caso che tiene milioni di italiani con il fiato sospeso (sic!) è quello che riguarda Anna Oxa e i suoi legamenti crociati.
La cantante, che tra mille polemiche partecipa allo show di RaiUno Ballando con le stelle, la scorsa settimana si è infortunata in diretta durante l’esibizione, con tanto di drammone live tra paramedici curiosamente già in camice bianco, barelle e borsa del ghiaccio. 

[brightcove]2828722705001[/brightcove]

E oggi, visto che la vita è fatta di priorità e l’Italia mica ha di meglio a cui pensare, il sito di Ballando pubblica nientepopodimenoche quattro referti quattro per certificare l’infortunio della Oxa e mettere a tacere le voci twittarole di un incidente creato ad hoc, per continuare a sfruttare in termini di audience (che quest’anno non è il massimo) la soap opera della bella e “originale” Anna.

Nei referti si parla di rottura del legamento crociato, di tutori e canadesi, di riabilitazione e terapie, ma in fondo chi se ne frega.

L’importante, almeno per il programma condotto da Milly Carlucci, è alimentare il polverone, unica ancora di salvezza in questa stagione parecchio loffia per il polveroso format danzereccio. Sabato sera, c’è da giurarci, continuerà l’Oxeide, insieme all’altro tormentone trash del programma: l’inguardabile parrucchino di Sandro Mayer. Buonanotte Italia.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco e il verminaio che lo circonda

next
Articolo Successivo

Vacciniamo la società malata

next