La pubblicità è l’anima del commercio. Ed è vero anche quando si tratta di vendere servizi particolari come quelli offerti dalle prostitute. Così, nelle ampie zone grigie della Rete, negli ultimi anni sono nati e continuano a crescere siti specializzati in annunci erotici.

A90club.com, dbakeca.com, itescort.com, pizzonero.com, torchemada.com sono solo alcuni esempi tra le decine di siti che propongono questo tipo di servizio. Su ogni sito ci sono tra cento e mille annunci, ciascuno con foto più o meno ‘ginecologiche’, descrizioni del tipo di prestazione offerta e numero di telefono della prostituta. Ce ne sono per tutte le tasche e per tutti i gusti, si va dai 30 euro fino a oltre i 500 per un singolo rapporto e sono ovunque, in ogni cittadina dello stivale, senza eccezioni. Ma cosa si cela dietro a questi siti, che spesso sembrano dei veri e propri bordelli virtuali? Quale giro d’affari? Non si rischia di cadere nel favoreggiamento?

Mario (il nome è di fantasia) è un giovane imprenditore, gestisce siti internet per lavoro, nella sua carriera ne ha già aperti e fatti crescere diversi, alcuni anche a contenuto erotico. La sua ultima creatura in questo settore è www.itescort.com fresco di lancio. Mario ha accettato di parlarci in forma anonima e di rispondere alle domande che gli abbiamo posto: “Si guadagna molto – conferma – ogni ragazza paga circa 100 euro al mese per pubblicare l’annuncio, a regime con un sito di escort si possono guadagnare anche più di 50 mila euro al mese”. Ed è tutto sommerso. Soldi di cui il fisco italiano non vedrà mai nemmeno l’ombra: “Il gioco è semplice – spiega – Il dominio è intestato ad un prestanome in un paese straniero, magari in Romania, dove le tasse sono molto basse. Tutti i pagamenti avvengono su un conto virtuale aperto all’estero , uno di quelli che si possono ricaricare con carta di credito e il gioco è fatto”. In questo modo il vero proprietario italiano, quello che ha in mano le chiavi del sito, non fa altro che incassare i ricchi assegni e gestire la pubblicazione degli annunci, comodamente seduto sulla poltrona di casa.

ATTENZIONE – Le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità

Lo spostamento sulla piattaforma straniera rende difficilmente individuabile il reale amministratore, in questo modo si elimina anche il rischio di venire coinvolti in indagini per sfruttamento o favoreggiamento della prostituzione: “La Cassazione ha stabilito che la semplice pubblicazione di annunci non costituisce favoreggiamento – spiega ancora Mario -. Io ci sto molto attento, non offro nessun servizio aggiuntivo e non ho rapporti diretti con le ragazze che si pubblicizzano. Altri hanno varcato questo confine, magari facendo da intermediari tra il cliente e la prostituta, ma sono stati processati e qualcuno è anche finito in galera”.

In Italia ci sono un centinaio di questi siti, la maggior parte funzionano proprio secondo il meccanismo spiegato da Mario. Si stima un giro d’affari, per i siti, prossimo ai 50 milioni di euro l’anno. Non male, soprattutto se si pensa che quello dei siti di annunci è un piccolo indotto di un gigantesco settore che sfugge completamente al controllo dello Stato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco, la rivoluzione è nelle domande

prev
Articolo Successivo

Erasmus, l’Ue rilancia il programma per gli studenti europei: investiti 14 miliardi

next