Mentre in Europa si dibatte di quote rosa, il Brasile si prepara alle “quote nere“. Il presidente dello Stato sudamericano, Dilma Rousseff, chiederà al Congresso di approvare una legge che riserva il 20% dei posti dei concorsi pubblici federali ai cittadini neri, discendenti degli schiavi africani.

Circa la metà dei 204 milioni di abitanti del Brasile ha origine africana. Il Paese è però attraversato da gravi disparità socio-economiche che l’iniziativa del presidente intende rimuovere. “Le azioni affermative sono essenziali”, ha spiegato Rousseff, usando l’espressione che indica le politiche tese a riequilibrare i diritti delle minoranze o di determinate fasce di popolazione.

Non è ancora stato precisato quando il Congresso potrà iniziare a discutere della legge. “Intendiamo, con questa proposta, iniziare un cambiamento nella composizione razziale dei dipendenti dell’amministrazione pubblica federale”, ha detto il presidente, “rendendola rappresentativa della composizione della popolazione brasiliana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carceri, i tanti Caino senza numeri in rubrica

next
Articolo Successivo

Carceri, garante detenuti del Lazio scrive al Dap: “A Rebibbia mancano i medici”

next