Mentre in Europa si dibatte di quote rosa, il Brasile si prepara alle “quote nere“. Il presidente dello Stato sudamericano, Dilma Rousseff, chiederà al Congresso di approvare una legge che riserva il 20% dei posti dei concorsi pubblici federali ai cittadini neri, discendenti degli schiavi africani.

Circa la metà dei 204 milioni di abitanti del Brasile ha origine africana. Il Paese è però attraversato da gravi disparità socio-economiche che l’iniziativa del presidente intende rimuovere. “Le azioni affermative sono essenziali”, ha spiegato Rousseff, usando l’espressione che indica le politiche tese a riequilibrare i diritti delle minoranze o di determinate fasce di popolazione.

Non è ancora stato precisato quando il Congresso potrà iniziare a discutere della legge. “Intendiamo, con questa proposta, iniziare un cambiamento nella composizione razziale dei dipendenti dell’amministrazione pubblica federale”, ha detto il presidente, “rendendola rappresentativa della composizione della popolazione brasiliana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carceri, i tanti Caino senza numeri in rubrica

prev
Articolo Successivo

Carceri, garante detenuti del Lazio scrive al Dap: “A Rebibbia mancano i medici”

next