“Se vuoi vedere da vicino un’esperienza di sopravvivenza urbana, chiamami”. Mi ha scritto così Alessia La Cava, che ha scoperto di potersi cibare quasi esclusivamente con frutta e verdura “recuperate”  e cioè scartate dalle bancarelle di alcuni mercati di Roma. Dal recupero del cibo, nella sua vita sono poi nate molte iniziative e occasioni di condivisione e scambio. Come l’entrata ai concerti dei suoi gruppi preferiti che la ragazza baratta con alcune confezioni di marmellata preparate da lei. Scopri la sua storia completa e quelle di altre persone che hanno intrapreso la via del cambiamento nel libro “Io Faccio Così” edito da Chiarelettere  di Daniel Tarozzi e Paolo Cignini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Odifreddi al falso Papa Francesco: ‘Santità mi fa la prefazione del libro?’

next
Articolo Successivo

Agora 99, i movimenti contro l’austerity si incontrano a Roma

next