Sono quasi tutte donne e bambini le vittime dell’attentato contro il corteo nuziale avvenuto nella provincia afghana di Ghazni. Le vittime, almeno 18 secondo la Bbc, erano su un bus che si stava recando ad un matrimonio quando è esplosa una bomba: il veicolo è rimasto completamente distrutto. Su 23 passeggeri, solo cinque sarebbero i sopravvissuti.

Finora soltanto otto cadaveri sono stati trasportati all’obitorio dell’ospedale, ma un portavoce del governatorato di Ghazni ha confermato che il numero delle vittime rischia di essere molto più alto in quanto i soccorritori sono tuttora al lavoro per tirare fuori dai rottami gli altri corpi. La maggior parte delle zone nella provincia di Ghazni, dove é avvenuto l’attacco, è nelle mani dei talebani, che però negano ogni responsabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Priebke disturba anche dopo la propria morte

next
Articolo Successivo

Il Berlusconi della Repubblica Ceca fa il pieno alle elezioni

next