Crescono i crediti dubbi (sofferenze, incagli, ristrutturati e scaduti) delle banche italiane: a fine 2007 erano il 2,7% dei crediti totali, mentre quest’anno sono arrivati al 9,5%, segnando un aumento del 251% dall’inizio della crisi. Il fenomeno, secondo i dati dell’Ufficio studi Mediobanca, è particolarmente marcato negli ultimi mesi: i crediti dubbi erano il 7% del totale a fine 2011, l’8% a metà dell’anno scorso, l’8,6% a fine 2012, il 9,1% tre mesi dopo, fino al 9,5% di fine giugno.

Il trend non sembra quindi fermarsi. E il fenomeno è evidente anche al contrario. I crediti “in bonis”, cioè quelli verso soggetti che non appaiono a rischio insolvenza, stanno segnando una crescita inferiore rispetto a quelli complessivi (+3% medio annuo dal 2005 contro un aumento del totale dei crediti concessi dalla banche alla clientela del 3,7 per cento). Ma l’incremento secondo Mediobanca sta nettamente frenando negli ultimi anni: nel 2011 il credito complessivo erogato è aumentato di soli 4 miliardi (+0,2%) mentre nel 2012 è stato tagliato di 36 miliardi (-1,8%), con le le grandi banche commerciali che mostrano un calo del flusso dei crediti concessi superiore a quello del sistema nel suo complesso.

La ricerca dell’Ufficio studi di Mediobanca individua in Mps un rapporto crediti dubbi/crediti totali del 12,2%, quindi nettamente superiore alla media, per Unicredit (8,1%) e Intesa (7,6%) leggermente inferiore. L’analisi si estende anche alle attività ponderate per il rischio (Rwa) sulle quali si potrebbe concentrare il prossimo esame della Bce: il loro rapporto con il totale degli attivi è per i principali gruppi italiani molto più alto di quasi tutti i concorrenti europei: a fine 2012 era al 46% per Unicredit, al 44% per Intesa e al 42% per Mps. Con il rischio che l’Europa possa richiedere un aumento del capitale complessivo.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banca Marche, niente miracolo. Bankitalia conferma commissariamento

next
Articolo Successivo

Ue, “Italia tra i Paesi peggiori per efficienza Pa. I limiti? Giustizia lenta e burocrazia”

next