Gli italiani fuggono dalla politica, anche in tv. A giudicare dagli ascolti registrati da inizio stagione dai talk show politici in onda in prima e in seconda serata su Rai, Mediaset e La7 si rischia la sindrome di rigetto. Noi proviamo a capirne le ragioni. Analizzeremo i palinsesti, caratterizzati dalla presenza massiccia di talk – forse perché costano meno delle produzioni dei programmi di intrattenimento – e capiremo il ruolo della politica delle larghe intese. Nel piccolo schermo vengono ospitati sempre gli stessi politici? Poi servizi e collegamenti. L’appuntamento è alle 14,30 in diretta streaming dagli studi de il FattoTv. Ospiti di David Perluigi sono: Enrico Paoli (giornalista di Libero) e Carlo Tecce (il Fatto Quotidiano). Collegati a Milano: Giorgio Simonelli (docente di giornalismo e storia della Tv all’Università Cattolica di Milano e nostro blogger) e Marco Leardi (giornalista di www.davidemaggio.it). In collegamento telefonico: Carlo Freccero (già direttore Rai2 e Rai4) ed Alberto Airola (M5S). Potete interagire inviando commenti e domande al sito e ai nostri social network. Per Twitter gli hashtag sono: #FattoTv #TeleIntese #addiotalk
SEGUI LA DIRETTA

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ylenia Citino: ‘A Uomini e donne perché del Pdl. Ora il mio libro ha la prefazione di B.’

prev
Articolo Successivo

Rai, Gubitosi: ‘Politica non aiuta a competere. Buco di 2/3milioni di euro’

next