Lucio Chiavegato racconta come è stato indagato e perseguito penalmente per un bagno che riportava indicazioni poco chiare: “Sono stato condannato perché il bagno in azienda era promiscuo, cioè c’era anche la doccia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Luca Fagiano: “Occupo case per raggiungere la libertà”

next
Articolo Successivo

Rifiuti, epidemie ed eternit: a Campobello di Mazara gli schiavi delle olive vivono così

next