Per noi è molto chiaro che i governi da molti anni cercano di rimandare questo progetto senza mai osare dire la verità: cioè che andrebbe fermato. Sempre più persone sostengono che il progetto è troppo costoso e che soprattutto non corrisponde a una reale domanda e che se si realizza questo progetto il traffico e l’utilizzo sarà veramente basso. Quindi sarà un progetto con una grande capacità di traffico ma non sarà utilizzato. Tutti i deputati, la corte dei conti, spiegano che questo progetto non è assolutamente prioritario, oltre ad essere molto costoso“. Sapete chi afferma queste cose riguardo alla Torino – Lione, ossia all’opera inutile? Alberto Perino? Un anarco-insurrezionalista? Un antagonista? Un black block? No, nessuno di costoro. È Yves Crozet, un economista francese esperto di trasporti che così risponde ad una delle domande postegli da Le Iene, il programma di Italia 1.

Yves Crozet è uno dei membri della Commissione Mobilité 21, che ha definito la Torino – Lione un’opera non prioritaria nello scenario trasportistico futuro della Francia. Se si guarda su Wikipedia, si capisce che egli è uno dei massimi esperti in materia di trasporti a livello francese, e forse non solo. Da noi un altro dei nostri massimi esperti di trasporti, il professor Marco Ponti, ha sempre sostenuto l’inutilità della Torino – Lione.

Ma allora viene da chiedersi. Se i massimi esperti in materia di trasporti affermano, dati alla mano, che essa è inutile, a cosa, e a chi serve la Torino – Lione?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferriera di Trieste, dati sulla mortalità legata alle emissioni battono Taranto

prev
Articolo Successivo

Smog, in Pianura Padana le polveri sottili fanno perdere fino a tre anni di vita

next