Lunedì scorso ottanta morti della strage di Lampedusa hanno trovato sepoltura al cimitero di Agrigento. L’immagine è straziante: cappelle ancora incomplete e solo un numero a distinguere i defunti senza nome, nei casi più fortunati accompagnato da una foto. Lunedì i funerali di Stato in mezzo alle contestazioni. Obiettivo dei fischi il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge e la delegazione arrivata da Asmara, presi di mira da alcuni cittadini eritrei perché considerati vicini alla dittatura del paese africano. Non va meglio al governatore siciliano Rosario Crocetta e soprattutto al capo del Viminale Angelino Alfano: numerose le urla contro di lui e tanti gli slogan contro la legge Bossi-Fini  di Saul Caia

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agrigento, la farsa dei funerali alle vittime di Lampedusa. Senza morti né vivi

next
Articolo Successivo

Il ministro Carrozza contestato a Cosenza, pietre contro le auto della delegazione

next