E’ stato iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo il giovane milanese di 28 anni che ieri ha travolto e ucciso con la sua auto, in viale Famagosta a Milano, una donna egiziana di 29 anni al settimo mese di gravidanza e l’altro suo bambino di 4 anni. Le indagini, condotte dagli agenti della Polizia Locale, sono coordinate dal pm di turno Marcello Musso. Gli accertamenti puntano ad accertare a quale velocità andasse l’auto del giovane, che è stato sottoposto all’alcoltest: esame che avrebbe dato esito negativo, come quello sull’uso di stupefacenti. Gli investigatori stanno cercando anche di stabilire se il conducente, che si è fermato perché aveva capito di aver urtato qualcosa senza rendersi conto di cosa, poteva evitare l’impatto con la donna che aveva deciso di attraversare una strada pericolosa, a scorrimento veloce, probabilmente per raggiungere la vicina stazione della Metropolitana, senza però utilizzare il sottopassaggio.

La donna dopo l’investimento era apparsa subito in condizioni gravissime ed era stata portata all’ospedale San Paolo, dove le è stato praticato un parto cesareo d’urgenza nella speranza di salvare lei e il nascituro. Nulla da fare: sono morti entrambi. La tragedia, però era destinata a rivelarsi ancora più straziante, dopo che in ospedale è arrivato suo marito, disperato, che ha chiesto dell’altro figlio, di quattro anni, che la moglie aveva con sé. Gli operatori del 118 e gli agenti della Polizia municipale hanno quindi avvertito i colleghi che si sono messi alla ricerca del piccolo: era stato sbalzato dall’urto ai margini della strada e i primi soccorritori non l’avevano visto. L’hanno trovato sotto un guard-rail, in condizioni disperate. Anche per lui la folle corsa in ospedale, perché era in arresto cardiaco e sono stati fatti vari tentativi per rianimarlo. E’ morto poco dopo l’arrivo in ospedale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immigrazione, il procuratore Borgna: “Non sono tutti clandestini allo stesso modo”

prev
Articolo Successivo

Legge stabilità, 7 miliardi per le nuove navi da guerra della Marina militare

next