valori della famiglia in onda al Tg 3 Campania. L’emergenza rifiuti, la devastazione ambientale, le paure di chi si alimenta con prodotti di quei campi, l’esplodere dei casi di cancro e leucemia, ridotti a un dibattito da tinello di casa Caldoro. Forse per pigrizia. Forse per sciatteria. Forse perché i servizi telegiornalistici vanno prodotti e montati rapidamente, non c’è tempo per accorgersi di certe cose, chissà. Ma quel che è accaduto nel pomeriggio dell’8 ottobre merita un cenno. E qualche commento.

Cosa è successo? E’ successo che l’edizione campana del Tg 3 approfondisce la questione della rovina spazzatura in Campania e manda in onda due interviste. Una, chilometrica, al Governatore Pdl della Campania, Stefano Caldoro. Che dice cose di buon senso, ma difficilmente inquadrabili come notizia: la Campania è vittima di un’emergenza nazionale, è in corso un disastro ambientale, cose così. Una, poco dopo, molto più breve, all’endocrinologa Annamaria Colao, scienziata di fama nazionale, che introduce così un servizio su un convegno sulla sicurezza alimentare nelle terre devastate dall’intombamento dei rifiuti speciali: “Quello che lascia un po’ perplessi – dice la Colao – è che non si fatta ancora fatta un’analisi accurata e quindi qualunque ipotesi che noi lanciamo non è surrogata dai fatti e lascia ampi punti interrogativi”.

Cosa c’è di strano? Nulla, se non fosse che Caldoro e Colao sono marito e moglie. I commenti li lasciamo a voi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caro Freccero, in Italia non esiste il mercato televisivo!

prev
Articolo Successivo

Editoria in crisi, ma si litiga su immobili, disuguaglianze e cessioni

next