Non vuole essere definita straordinaria, ma lo è. Rosy Canale ha avuto il coraggio, in piena terra di ‘ndrangheta, di buttare fuori dalla sua discoteca a Reggio Calabria, il “Malaluna”, gli spacciatori di droga inviati dai boss. “Questo schifo nel mio locale non lo voglio”, diceva a muso duro. Troppo per gli ‘ndranghetisti che l’hanno massacrata di botte, le hanno rotto diversi arti, l’hanno quasi uccisa. . Ci sono voluti anni perché le ferite del copro guarissero, quelle dell’anima ci sono ancora. Ma Rosy ha continuato a ribellarsi perché “le imposizioni non mi sono mai piaciute”. E’ la presidente dell’associazione “Le donne di San Luca”, una realtà di 400 donne che, nella capitale mondiale della ‘ndrangheta, hanno detto basta alle faide mafiose. Lo Stato, però, è latitante. Persino una ludoteca che l’associazione aveva aperto per offrire uno spazio di libertà ai bambini è stata chiusa per mancanza di finanziamenti. Venerdì 18 e sabato 19, Rosy Canale sarà la protagonista di uno spettacolo al teatro Franco Parenti di Milano. Racconterà la sua storia. Regia di Guglielmo Ferro. Franco Battiato le ha regalato le musiche  di Antonella Mascali, riprese e montaggio di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Priebke, l’avvocato: ‘Parenti non sanno dov’è la salma. Oggi il videotestamento’

prev
Articolo Successivo

Abu Mazen in Vaticano invita Papa Francesco in Terra Santa

next