L’Avvocatura dello Stato ha chiesto circa 1 miliardo di euro di danni d’immagine a Francesca Mambro e Valerio Fioravanti, condannati quali esecutori materiali della strage alla stazione di Bologna che il 2 Agosto 1980 ha stroncato la vita di 85 persone, creando oltre 200 feriti. “Trovo che sia un atto importante dello Stato -ha commentato il presidente dell’Associazione dei familiari delle vittime del 2 Agosto e deputato Paolo Bolognesi – nei confronti di persone che invece sono sempre state trattate con i guanti bianchi, ma che hanno danneggiato l’immagine dell’Italia sul quadro internazionale e fatto spendere un sacco di soldi pubblici. Anche tra i familiari delle vittime, ma in maniera singola, valuteremo richiesta di danni – ha aggiunto Bolognesi – non facendo scadere la prescrizione delle istanze che abbiamo già presentato nel 2005 e che scadono nel 2015″. E ha concluso: “Diranno che sono nullafacenti – conclude Bolognesi – ma e’ giusto che lo Stato li tratti da delinquenti: sono sempre stati trattati con i guanti dalla giustizia italiana. E’ giusto che i cittadini sappiano i danni che hanno causato”.

Una decisione contestata da Pino Pisauro, avvocato difensore di Francesca Mambro e Valerio Fioravanti. “Si tratta”, ha commentato, “di un’iniziativa improvvida e fuori tempo massimo, che lascerà il tempo che trova”. Pisauro sostiene che “qualcuno ha fatto trapelare questa ‘non-notizia’ come risposta alle dichiarazioni del giudice Rosario Priore uscite sul ‘Tempo’, per annegare nel mare di chiacchiere le cose serie che stanno emergendo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, collettivi contro Trenitalia: “Costo biglietti triplicato per corteo 19 ottobre”

next
Articolo Successivo

Bicentenario di Verdi, il mondo celebra il compositore. Ma le sue case sono in vendita

next