Oggi ascoltando il videomessaggio di Silvio Berlusconi mi sono risentito un ragazzino. Sono tornato 18enne. Per qualche minuto ho rivissuto il 1994. Silvio mi ha riportato all’Italia di Arrigo Sacchi, a quelle notti dei mondiali Usa con Antonio Conte e Roberto Donadoni al centrocampo, Baggio in attacco e Gianluca Pagliuca in porta. Mi ha emozionato quello “scendiamo in campo”: mi è risuonato alle orecchie come la sigla del carosello che mi riporta ogni volta all’infanzia. Il cavaliere stasera ha inventato la macchina del tempo: ci ha fatto rivedere Antonio Di Pietro con la toga accanto a Gherardo Colombo, Ilda Boccassini e Saverio Borrelli.

Eccomi da poco diplomato, senza cellulare, a bordo della mia Fiat Panda, senza un lavoro, con i sogni in tasca. Ho risentito oltre alla voce ferma del cavaliere anche quella di Pippo Baudo e Anna Oxa al quarantaquattresimo festival di Sanremo vinto da Aleandro Baldi e Andrea Bocelli. Ho rivisto “Il Postino” di Troisi scorrere davanti ai miei occhi.

“Meno tasse”, ha detto Berlusconi: ricordo che mio padre e qualche amico anche nel 1994 ci avevano creduto. Ma allora ci risiamo, che bello, ho ancora 20 anni: tutta una vita davanti. Forse stavolta ce la facciamo. Berlusconi parla di una Sinistra “che è rimasta la stessa Sinistra del risentimento, dell’invidia e dell’odio”: evviva, c’è ancora la Sinistra. C’è la festa dell’“Unità” con Raoul Casadei e le bandiere rosse. Non è un sogno, è la realtà: sullo schermo della mia televisione, una Philips della fine degli anni Ottanta, scorrono le immagini di Berlusconi in doppiopetto che mi parla della “bandiera di Forza Italia, della vittoria dell’amore, di un movimento che difende i valori della famiglia, della vita, della tradizione cristiana”. Non posso crederci: “Scendi in campo anche tu”. E’ lo stesso slogan. E l’inno? “Per fortuna che Silvio c’è….”.

Straordinario: stasera esco con gli amici altro che pensare al lavoro. E’ il 1994. Ho 18 anni e un mondo davanti e quest’uomo potrebbe davvero cambiarmi la vita. Al Tg sul primo canale, la conduttrice Francesca Grimaldi,  ha appena trasmesso le immagini dell’udienza del mercoledì di Giovanni Paolo II. Vedo scorrere sullo schermo anche i volti di Guglielmo Epifani, di Massimo D’Alema, di Rosy Bindi: parlano di Berlusconi. Mia madre stasera ha già programmato di vedersi “Superkaraoke” di Fiorello su Italia Uno mentre mio padre vedrà l’Inter di Walter Zenga e Riccardo Ferri. Su Rete Quattro stanno ancora trasmettendo il videomessaggio di Silvio Berlusconi, sono le ultime parole: “Viva l’Italia, viva Forza Italia”. Benvenuti nel 1994. Benvenuti nell’Italia dove non cambia mai nulla.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Casta, i deputati siciliani non si tagliano lo stipendio: 11mila euro? Troppo pochi

prev
Articolo Successivo

Berlusconi, Gasparri: “Si dimetterà”. Letta: “Non siamo punching ball”

next