Perché io già lo so.

Che un giorno si chiederà:

Dove erano, dove erano i poeti?

Quando il lavoro s’affrancò dalla dignità per bearsi nell’umiliazione; quando le rivolte vennero battezzate psicosi; quando si dismise il culto dei morti, della memoria; quando i prodotti di schiavitù orientali occuparono i tavoli del mondo.

Davanti a ogni animale martoriato, a ogni sorgente avvelenata, dove erano i poeti?

Io già lo so, che fra i tanti silenzi imbarazzati spunterà un mite sorriso. Quello di Liu Xiaobo, nobile poeta ancora oggi in prigione per le proprie parole e azioni. 

di Alessandro Berni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Amato, da libraio a scrittore

next
Articolo Successivo

Solarium, la casetta di zucchero tra Hänsel e Gretel e Into the Wild

next