Dopo il video messaggio con cui Silvio Berlusconi si è scagliato contro la magistratura, arriva la reazione del Csm. Il Comitato di presidenza del Consiglio superiore della magistratura esprime “amarezza e sconcerto per l’ennesima ripetizione di giudizi sprezzanti e di attacchi infondati che colpiscono in modo indiscriminato la magistratura italiana”. I giudici “non meritano l’addebito di intenti persecutori o di complotti”.

Il Comitato di presidenza del Csm è formato dal vicepresidente, Michele Vietti, e dai vertici della Cassazione, il primo presidente Giorgio Santacroce e il procuratore generale Gianfranco Ciani. La risposta delle toghe rivendica l’imparzialità della categoria, messa in discussione dal Cavaliere. Il comunicato precisa che i magistrati “svolgono quotidianamente il proprio lavoro con impegno, professionalità ed imparzialità” . E ricorda: “E’ la legge che regola con criteri predeterminati la composizione dei collegi giudicanti e l’assegnazione dei processi”.

Nella nota dei vertici Csm, si sottolinea come la mancata applicazione di una condanna definitiva rappresenti un rischio per lo Stato di diritto. “L’esito di qualsiasi processo è una sentenza che va accettata ed applicata”, si legge nella nota. “Diversamente verrebbero meno le regole dello Stato di diritto e il presupposto della ordinata convivenza civile“. A questo passaggio del comunicato risponde il Popolo della Libertà. “A mettere a rischio lo Stato di diritto è la mancanza di autorevolezza della magistratura”, ha affermato la deputata Joe Santelli. “Il Csm dovrebbe fare mea culpa per aver per decenni avallato e difeso comportamenti da parte di alcuni magistrati che hanno finito per compromettere l’autorevolezza, la percezione di neutralità e di terzietà dell’intera magistratura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Saipem, Procura Milano apre fascicolo per insider trading e aggiotaggio

next
Articolo Successivo

Mafia e politica: “Il senatore d’Alì tentò di far trasferire l’investigatore scomodo”

next