Sono il Dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa (Vicenza). Mi occupo di tematiche socio politiche con particolare attenzione alla disabilità, dopo essermi laureato in Scienze dell’Educazione nel 2005.

Le scrivo per dirle che mi ha fatto molto piacere che il 17/09/2013 abbia incontrato l’Associazione “Tutti a  scuola”, durante  la loro manifestazione in P.zza  Montecitorio e che abbia dato la disponibilità di dare voce alle difficoltà delle persone disabili attraverso le audizioni, ma questo non basta e  serve a poco se non si inizia ad impostare una politica che metta al centro i bisogni di ogni cittadino, non crede?

La signora Alessandra Incoronato affetta da amiotrofia spinale di tipo 2  il 27/06/2013 ha tenuto un’audizione presso la Commissione Diritti Umani del Senato, dove con forza ha parlato partendo dalla propria situazione personale per poi fare un discorso più generale per tutti i disabili, purtroppo però in seguito non è cambiato niente ne per lei ne per nessun’altro.

Credo che  le  famiglie che hanno delle persone disabili abbiano il diritto di essere tutelate e supportate dallo Stato, non solo attraverso dei buoni propositi ma attraverso fatti concreti come per esempio: fondi per le malattie rare, sostegno scolastico, assistenza domiciliare, aumento delle pensioni d’invalidità civile, una nuova cultura sull’integrazione sociale valorizzando molto di più l’aspetto multietnico considerandolo un valore e non un  fattore discriminante, cosa ne pensa?

Ritengo inoltre che per raggiungere gli obiettivi sopra citatati serva una svolta politica, per supportare le famiglie dei disabili, e non solo servano contributi economici erogati sia dalle amministrazioni locali che dal governo. Tali “contributi” non devono essere richiesti ai cittadini che già sono in difficoltà per la propria condizione economica sommata alla crisi, ma ai ceti benestanti che ne hanno la possibilità.   

In attesa di una sua risposta scritta che verrà pubblicata sul mio blog sul Il Fatto Quotidiano, la ringrazio anticipatamente

Cordiali Saluti,

Dott. Luca Faccio

Per segnalare la vostra storia scrivete a: raccontalatuastoria@lucafaccio.it

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Centomila bambini e adolescenti vittime di abusi e maltrattamenti in Italia”

next
Articolo Successivo

Quando penso a un migrante, a lui fischia un orecchio (Sergio Staino)

next