Girando per mercati esteri, riempio la sempre presente borsa della spesa con grande divertimento di cose che normalmente non compro o non trovo, ritrovandomi per piacere e mestiere, non visto, e solo in ristrettissimi ambiti familiari, a muovermi nelle altrui cucine o con cautela sulle nostre classicità. Sono così intervenuto, in quest’estate di totale e meritato riposo, su delle bracioline di maiale, su delle zuppe, come sulla toscanissima panzanella. Ma di questo vi parlerò nei prossimi post.

insalata-ricettaOggi vi voglio confessare che nell’ultimo giorno di vacanza, nel desiderio di non sprecare niente senza dunque lasciare avanzi, mi sono azzardato, ripulendo il frigorifero e la dispensa, a fare una semplicissima insalata che, senza volermi lodare, ma solo per piacere di condivisione, mi ha stupito per bontà e svenevole sapore.

Due compatte scarole, lavate e tagliuzzate fra l’uno e i due centimetri, a cui ho aggiunto un saporosissimo avocado e un mango, entrambi spezzettati, condendo il tutto con quattro cucchiaini di un aceto rosso e con un buonissimo olio extra (Capezzana), un nonniente di sale, pepe, più un primo cucchiaio da cucina di semi di papavero blu e un secondo di salvifici semi di Chia.

Quest’ultima, assorbendo tutte le umidità, ha espresso subito la sua straordinaria gelatinosità, che a sua volta si è composta alchemizzandosi di tutti i sapori presenti, fasciando tutto questo ben di Dio con piacevolissima vischiosità. Mi sono fatto entusiastici complimenti per l’idea, appresa da altri, del mango. Ma più che altro per la Chia che, con raggiunta morbidezza, entra sempre di più a far parte, senza abusi, della mia personalissima dieta. Ne consumo pressappoco trenta grammi al giorno aggiungendola a yogurt, spremute, minestre, e ora anche a insalate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, il Cooking show della nonna celebra il fai da te

prev
Articolo Successivo

Cucina ‘molecolare’, altro che MasterChef

next