Ancora tempesta sui mercati finanziari e, in particolare sulla Borsa di Milano, l’unica del Vecchio Continente che non è riuscita a superare la nuova ondata di timori per il possibile intervento militare in Siria. E così l’indice Ftse Mib ha perso l’1,35%, attestandosi a 16.712,2 punti, dopo avere toccato un minimo intorno al -2 per cento, mentre il Ftse All Share è sceso dell’1,21% a 17.789,97 punti.

Su Piazza Affari oltre al tema siriano hanno pesato i timori per l’eventualità di una crisi di governo nuovamente paventata dal Pdl. Ma anche i dati macroeconomici che vedono il Paese ancora in frenata proprio mentre Eurostat certifica la fine tecnica della recessione nell’Eurozona con un Pil dell’area della moneta unica che nel secondo trimestre è cresciuto dello 0,3 per cento.

Naturalmente è tornato ad allargarsi anche il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi, con il Btp decennale che paga interessi al 4,4% contro l’1,94% del Bund di pari durata per uno spread che si è di nuovo avvicinato a quota 250 punti (248 la chiusura contro i 241 punti di martedì sera). Un andamento che ha influenzato in particolare i titoli bancari, i più infarciti di debito nazionale e, in particolare Unicredit (-2,32%), Mediobanca (-3,69%) e Monte dei Paschi  (-2,58%). 

In controtendenza Finmeccanica che ha chiuso con un rialzo del 3,58% a 4,048 euro, grazie alle indiscrezioni riportate da Reuters, secondo le quali il gruppo della Difesa avrebbe raggiunto un accordo di massima con la coreana Doosan per la vendita della quota di controllo (55%) di Ansaldo Energia. Il valore dell’intesa si aggirerebbe tra 1,2 e 1,4 miliardi di euro, ma è necessario attendere il via libera del Tesoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lettera aperta a Napolitano su banche e ingiustizie

prev
Articolo Successivo

Ansaldo, il governo tratta la cessione. In attesa delle privatizzazioni

next