Una dottoressa in servizio presso il Sim (Servizio di igiene mentale) di Bari è stata uccisa questa mattina. La polizia ha già fermato il presunto assassino, che ha colpito la donna con 28 coltellate alla schiena con un coltello da cucina.

Si chiama Paola Labriola, 53 anni e 2 figli, la vittima. L’uomo, Vincenzo Poliseno, 44 anni, era un paziente della dottoressa e aveva fissato per oggi un appuntamento per una visita di controllo. L’omicidio è avvento questa mattina nei locali che ospitano il Sim, in via Tenente Casale, nel quartiere Libertà, a ridosso del centro cittadino. Dopo il delitto, Poliseno è stato subito fermato dagli agenti della polizia intervenuti sul posto, e ora è accusato di omicidio volontario. L’uomo, a quanto si apprende, ha avuto in passato problemi di tossico dipendenza; secondo un testimone dell’accaduto, ha aggredito la dottoressa per ottenere da lei dei soldi.

In seguito alla tragedia, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, ha proclamato una giornata di lutto cittadino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, sette arresti a Reggio Calabria. Anche l’ex sindaco di San Procopio

prev
Articolo Successivo

Crisi, sindaco leghista propone di pagare il conto a chi ruba per necessità

next