Più che Mission sarebbe meglio parlare di Mission impossible. Protagonisti i soliti super raccomandati della tv: Al Bano, Cocuzza, il principe Emanuele Filiberto, Barbara De Rossi, Paola Barale. L’intento di Rai 1 di realizzare in prima serata una trasmissione che racconti la realtà delle missioni umanitarie nei campi profughi nei luoghi disperati del mondo è assolutamente pregevole, e le organizzazioni, a cui l’azienda ha fatto riferimento (l’Ong Intersos e l’Agenzia Onu per i rifugiati) sono conosciute nel mondo per il loro impegno e la loro professionalità. Quello che non sta in piedi è come verrebbe realizzato il programma e naturalmente chi vi partecipa: chi è buono per trasmissioni come Ballando con le stelle, I migliori anni passando per L’isola dei famosi, non credo che possa funzionare per Mission. Su questo le due organizzazioni hanno una responsabilità o sono state troppo superficiali. Mission dimostra il limite della Rai, mancanza di autori e di dirigenti di prodotto adeguati, la grande ricchezza che negli anni 60-90 fece diventare la Rai una delle più importanti tv al mondo. L’aver affidato buona parte dell’intrattenimento alle società dei format è l’errore che ha omologato il servizio pubblico alla tv commerciale. Questi discorsi vengono fatti da anni in azienda a tutti i livelli, ma all’orizzonte nulla di nuovo al punto che mi sto convincendo che il problema non sta nell’incapacità, ma nella mentalità, forse anche in Rai dovrebbe passare un Renzi o un Grillo per rottamare i soliti noti che di fatto impediscono il rinnovamento editoriale e industriale dell’azienda. Sul caso Mission non tutta la verità è stata raccontata.

Il bubbone non è scoppiato in questi giorni ma esattamente un anno fa, quando Michele Cocuzza e Barbara De Rossi erano in Congo a registrare il numero zero del programma e rimasero bloccati dall’emergenza Ebola che aveva fatto diverse vittime in Uganda e che avrebbe potuto contagiare anche il Congo. Allora Rai 1 smentì che il programma era prodotto per andare in onda sulla rete ammiraglia. I problemi affrontati un anno fa con Cocuzza e la De Rossi: il numero dei componenti la troupe, la protezione delle attrezzature per le riprese, la costruzione del set, il trucco e il parrucco per i vip, ecc. sono gli stessi che dovrà affrontare la nuova “spedizione”. Chiediamoci perché quel prototipo non è mai andato in onda. Non sarebbe stato meglio affidare il lavoro a giornalisti capaci di realizzare un reportage e privilegiare il contenuto allo spettacolo?

Il Fatto Quotidiano, 21 agosto 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Snowden: “Cameron ha ordinato di fare pressioni sul Guardian”

next
Articolo Successivo

L’Huffington Post chiude ai commenti anonimi?

next