Un nuovo sbarco di migranti è avvenuto all’alba a Catania. Sei profughi sono morti, tra cui un ragazzo di età compresa fra i 13 e i 15 anni. I corpi sono sulla battigia della spiaggia del lungomare Plaia. Sul posto Guardia Costiera, Polizia e Carabinieri, per ricostruire le dinamiche dell’accaduto e prestare soccorso.

I sei uomini sono morti durante uno sbarco annegando, nel tentativo di raggiungere la riva. Facevano di un gruppo di circa 120 migranti che erano a bordo di un piccolo motopeschereccio che si è arenato a 15 metri dalla riva. Secondo gli investigatori, volevano raggiungere la battigia per fuggire. Tra loro donne e anche bambini molto piccoli. Sono stati soccorsi dalle forze dell’ordine e dalla Guardia costiera e trasferiti nel porto di Catania per l’identificazione e i soccorsi. Presente anche una squadra di sub, sommozzatori dei vigili del fuoco, che stanno controllando il peschereccio e cercando eventuali altre vittime rimaste sott’acqua. Sullo sbarco e la morte di 6 migranti il procuratore capo di Catania, Giovanni Salvi, ha aperto un’inchiesta, che coordinerà personalmente. Il reato ipotizzato è, al momento, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio colposo plurimo.

E l’ondata di migranti in arrivo in Sicilia non pare arrestarsi. Altri 40 profughi sono stati soccorsi dalla Guardia costiera al largo di Siracusadove nei giorni scorsi erano sbarcati i 120 migranti rifiutati da Malta. Fra loro 22 minori, un disabile e una persona che ha numerose fratture. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Metro C di Roma, chiudono i cantieri. I lavoratori: “Siamo alla disperazione”

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, Arena incandidabile: “Scelte favorevoli alla criminalità”

next