L’Italia ha accettato di accogliere i 102 migranti salvati dalla nave cisterna Salamis, alla quale Malta ha rifiutato l’ingresso in porto. Sono 81 uomini, 20 donne – 4 delle quali in stato di gravidanza, una quasi giunta al termine della gestazione – ed un neonato di cinque mesi e sono tutti in buone condizioni di salute i profughi sull’imbarcazione, che è entrata nel porto piccolo di Siracusa. I migranti sono tutti originari del Sudan ed eritrei e sono sbarcati sull’isola. A dare le prime notizie sulle condizioni di salute dei migranti sono stati i medici dell’ufficio di sanità marittima che li hanno visitati a bordo. “Abbiamo riscontrato un quadro generale più che rassicurante – ha spiegato la dottoressa Giuseppina Di Giacomo -. Tutti stanno bene e sono stati rifocillati. Diciamo che il comandante greco della nave cisterna che li ha presi a bordo ha saputo garantire loro la miglior assistenza”.

L’imbarcazione è arrivata in Italia dopo una notte di intensa attività diplomatica. Il governo maltese, si legge sul sito di Malta Today, era anche in contatto con la Grecia, ma nelle “ultime ore” i contatti si sono intensificati con le autorità italiane. Il primo ministro maltese, Joseph Muscat, ha ringraziato il premier Enrico Letta, e ha aggiunto che “durante la crisi Malta ha difeso la sua legittima posizione, una posizione che manda un chiaro messaggio”. Il governo della Valletta si era rifiutato di far sbarcare il gruppo di 102 migranti che, in viaggio su un gommone, erano stati recuperati il 4 agosto scorso dalla nave Salamis a largo delle coste della Libia. Secondo le autorità maltesi, il capitano Leopoldo Manna della nave avrebbe “ignorato” le specifiche istruzioni che gli sarebbero state date sia dal centro di Soccorso di Roma che dalle forze armate maltesi di riportare il gruppo nel più vicino porto, quello di Khoms in Libia.

Ieri era intervenuta il commissario per gli Affari interni della Ue, Cecilia Malstrom che aveva chiesto a Malta di fare il suo “dovere umanitario” accogliendo il gruppo di migranti, tra i quali vi sono cinque donne incinte, una ferita ed un neonato. Ma il governo maltese aveva ribadito il suo rifiuto. “Grazie Italia per aver accolto i 102 migranti naufraghi che sono stati salvati due giorni fa”, ha scritto Malmstrom su Twitter.