Washington ha ordinato l’evacuazione di tutto lo staff non strettamente necessario dal consolato di Lahore, in Pakistan, a seguito di minacce terroristiche. La decisione è statta presa a seguito di “credibili notizie di minacce specifiche contro il consolato Usa di Lahore”, ha riferito un alto funzionario in una nota.

Il dipartimento di Stato ha anche invitato i cittadini statunitensi a non recarsi in Pakistan annunciando che “diversi gruppi di terroristi del posto e di altri Paesi costituiscono un potenziale pericolo per i cittadini americani in tutto il Pakistan”. L’evacuazione fa seguito alla chiusura di 17 ambasciate statunitensi e all’evacuazione della sua ambasciata nello Yemen.

Nel frattempo il Wall Street Journal scrive che sarebbe il braccio di al Qaeda nello Yemen, e non il capo della rete estremista Ayman al-Zawahiri, all’origine del progetto di attentati anti-occidentali che hanno spinto gli Stati Uniti a lanciare una vasta allerta sicurezza.

Il quotidiano, citando un anonimo responsabile della sicurezza americana, spiega che il “cervello” degli attentati sarebbe il capo di al Qaeda nella penisola arabica, Nasser Al-Whaychi, con base nello Yemen. Al-Zawahiri, numero uno di al Qaeda ed ex braccio destro di Osama bin Laden, non avrebbe fatto altro che approvare l’operazione iniziata nello Yemen, secondo la conversazione intercettata dall’intelligence americana tra il numero uno di al Qaeda e dei responsabili della rete.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A Tunisi, tra piazze e politica: l’alternativa alla violenza

prev
Articolo Successivo

Te la do io l’ONU!/15 – Un reality show a casa di Ban-Ki-moon

next