Arresto differito per chi commette atti di violenza negli stadi anche per le stagioni 2013-2014, 2014-2015 e 2015-2016. Ad annunciarlo è il ministro degli Interni, nonché vicepremier, Angelino Alfano, nella conferenza stampa in cui sono state illustrate le decisioni adottate dall’ultimo Consiglio dei ministri. “Lo dico alla vigilia dell’avvio del campionato di calcio: abbiamo visto che la norma sull’arresto differito funziona molto bene. Sono diminuite le aggressioni alle forze dell’ordine, calati i reati negli stadi. Per questo abbiamo deciso di prorogare per tre anni, fino al giungo 2016, le norme sull’arresto differito”.

La norma sull’arresto differito (introdotta per la prima volta nel 2003 e poi riproposta a più riprese in maniera temporanea) prevede l’estensione della possibilità di fermo, fuori dai limiti ordinari di flagranza, fino a 36 ore dall’avvenuto illecito, purché risulti impossibile procedere all’arresto immediato e la prova del commesso reato emerga inequivocabilmente da documentazione video-fotografica o da altri elementi oggettivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali scherma 2013, Arianna Errigo oro nel fioretto femminile

prev
Articolo Successivo

Sorteggi Champions League 2013 – 2014: Milan nei playoff contro il Psv Eindhoven

next