C’è un angolo di Appennino bolognese che si tinge ogni agosto di cinema e letteratura d’autore. Giunge quest’anno alla quinta edizione Sere Nere (3 e 4 agosto), ideata da Gian Carlo Omoboni e diretta da Marco Tamarri, il magico appuntamento estivo che si svolge nell’elegante e antica Piazza della Chiesa di Monteacuto delle Alpi.

Saranno Giuliano Montaldo e un habitué come Francesco Guccini, i due grossi nomi del fresco weekend montano che già in pianura si prevede caldissimo. Il grande maestro del cinema italiano presenterà le sue migliori opere e si intratterrà con il pubblico prima della proiezione de L’industriale, sabato 3 agosto. Mentre il critico cinematografico Giacomo Martini, e il responsabile della programmazione della Cineteca di Bologna, Andrea Morini ne tracceranno un profilo storico biografico e sarà poi la giornalista Bice Biagi ad intervistarlo sempre il 3 di pomeriggio.

Domenica 4 alle 17.30 sarà poi il turno del cantante e scrittore Francesco Guccini, da sempre protagonista di SereNere, che racconterà insieme a Raffaella Zuccari “la mia Thule”, video che narra l’incisione dell’ultimo album all’interno del Mulino di Pavana. Alle 22 verrà poi proiettato uno dei capolavori di Montaldo, L’Agnese va a morire, che dopo Sacco e Vanzetti, e Giordano Bruno lo fece affermare tra i più importanti nomi del cinema italiano.

La band “Psicantria: psicopatologia cantata” accompagnerà i momenti salienti della conversazione ed allieterà il pubblico tra un’intervista e l’altra. In entrambe le serate il gruppo teatrale dei “nonattori” di Monteacuto, metterà in scena lo spettacolo “Una dolcissima morte”, cena con delitto a cui tutti gli ospiti potranno partecipare e divertirsi immergendosi in un ambiente di suspense e mistero testando direttamente le proprie capacità investigative.

Da Lunedì 5 a Venerdì 9 Agosto, proseguirà, sotto le stelle, la settimana del Cinema dedicata a Montaldo, sempre in Piazza della Chiesa, con un panorama mozzafiato su Pianaccio e sul Corno alle Scale. Il 5 sarà il turno di Tiro al piccione (sottovalutatissimo titolo del nostro e tratto dallo straordinario romanzo di Rimanelli), poi la sera successiva Una bella grinta, Gli occhiali d’oro, I demoni di San Pietroburgo e Sacco e Vanzetti.

Si può arrivare a Monteacuto delle Alpi percorrendo i sentieri dell’Appennino con gli scarponi ai piedi grazie alla collaborazione con il CAI (Club Alpino Italiano) dell’Alto Reno oppure in bicicletta, a dorso di un cavallo, in bus, in motocicletta, in treno da Bologna a Porretta ed in auto sino nei pressi di Madonna del Faggio o Pianaccio. Per parcheggiare direttamente a Monteacuto occorre arrivare al mattino. Inoltre un servizio di bus-navetta partirà ad ogni ora (A/R dalle ore 16.00 alle ore 23.00 di Sabato 3 e Domenica 4 Agosto) dal parcheggio del Palazzo della Cultura “Enzo Biagi” di Lizzano in Belvedere. Il ritorno al termine della manifestazione (ore 23) con la pila tutti in cammino verso i sentieri o le auto attraversando boschi in compagnia di cervi, caprioli, gufi e barbagianni.

Per informazioni: http://monteacutodellealpi.wordpress.com/2013/07/18/serenere2013/

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’essenziale utilità del sapere umanistico

next
Articolo Successivo

Cdm, via libera a decreto legge cultura. Letta: “Tax credit per il cinema”

next