A più due mesi dal referendum consultivo che ha sancito la vittoria di chi chiede la cancellazione dei finanziamenti comunali alle scuole materne convenzionate, cattoliche e non, il Pd di Bologna tira dritto. E porta sul tavolo del consiglio comunale un documento per non toccare l’attuale sistema integrato pubblico privato, con il risultato di far saltare il dialogo con gli alleati di Sel, e ricreare una situazione da larghe intese, con il Pdl tentato dall’appoggio ai democratici. Insorge il comitato promotore della consultazione, Articolo 33, che promette nuove battaglie a settembre. “L’atteggiamento dei nostri amministratori che dimostrano disprezzo verso il voto di oltre 50mila bolognesi è gravissimo – dichiara Katia Zanotti – Prendiamo atto che c’è una politica che non ha voluto ascoltare e accogliere l’esito di un voto democratico, e ci prepariamo a continuare la nostra campagna a difesa della scuola pubblica, anche con una grande manifestazione nazionale”  di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apriamo le scuole d’estate!

prev
Articolo Successivo

Bologna: Pd, Pdl e Lega salvano i fondi alla scuola privata. Bagarre in aula

next