trayvon martin manifestazione“Non colpevole”. George Zimmerman il ventinovenne che ha ucciso il diciassettenne Trayvon Martin è libero e potrà anche riavere la sua pistola. Quella con la quale ha sparato per “difendersi” – dice lui – da un ragazzo “armato” solo di un pacchetto di caramelle  e che la polizia, chiamata in precedenza, gli aveva anche intimato di smettere di seguire.

George Zimmerman è libero. E, improvvisamente, l’America sembra di nuovo prigioniera del suo razzismo e di quella incapacità di riconoscere giustizia a chi ha un colore di pelle diverso.

George Zimmerman era armato ma è bianco e libero. Trayvon Martin era disarmato ma era nero ed è morto.

“C’e’ una corte piu’ alta della corte di giustizia ed è la corte della coscienza. Che sostituisce tutte le altre”  – Mahatma Gandhi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Snowden: il Grande Fratello Obama?

prev
Articolo Successivo

Per una Rio da cartolina internamento obbligatorio per drogati e senzatetto

next