Si sono seduti a terra davanti ai cancelli della centrale del latte di Bologna e con i loro corpi hanno impedito il transito dei camion. Immobili, anche quando la polizia e i carabinieri, in tenuta antisommossa, hanno tentato di portarli via di peso. E in quattrocento, tra lavoratori della logistica venuti da tutta Italia e giovani dei collettivi cittadini, hanno chiesto a gran voce il reintegro dei 41 facchini licenziati da Sgb “per aver scioperato contro un taglio del 35% alla loro busta paga”.

“Oggi – spiegano i manifestanti, che da tutta Italia si sono radunati a Bologna per presidiare accanto agli ex dipendenti Sgb – siamo qui perché, assieme ai nostri compagni, mandati via per aver osato protestare quando hanno visto calpestati i propri diritti, vogliamo dire basta allo sfruttamento che tutti i lavoratori della logistica sono costretti a subire: lavoriamo dodici ore al giorno e siamo pagati una miseria. Per di più, quando cerchiamo di far valere i nostri diritti, ci cacciano come fossimo animali. Basta, non possiamo più accettarlo”.

Video di Giulia Zaccariello

Il presidio, l’ennesimo da quando Sgb, la cooperativa che gestisce i magazzini della Granarolo, ha deciso di licenziare i 41 facchini che avevano protestato in seguito alla riduzione “per crisi” della loro busta paga è iniziato ancor prima del sorgere del sole. Alle 3 del mattino facchini e studenti provenienti da tutta la penisola, da Milano a Napoli, da Piacenza a Reggio Emilia, a Padova, a Verona, si sono radunati davanti ai cancelli della centrale del latte e dopo aver scritto, con vernice bianca, “Granarolo ladri” sull’asfalto antistante lo stabilimento, hanno bloccato i cancelli, impedendo ai camion di spostare la merce.

Perché la “tregua”, iniziata quando il prefetto Angelo Tranfaglia ha convocato un tavolo per trovare una soluzione riguardo al futuro dei facchini licenziati, è già finita. L’accordo, stilato da Cgil, Cisl e Uil assieme ai dirigenti di Granarolo e Sgb, non comprendeva l’unica clausola che gli operai della logistica volevano sottoscrivere: il reintegro nel loro posto di lavoro. “Per questo Si Cobas non ha firmato” spiegano i facchini. Per questo i presidi sono ricominciati, “e proseguiranno a oltranza”.

“L’accordo, che peraltro ci è stato presentato già scritto nero su bianco, senza che ci fosse data la possibilità di trattare – spiega Simone Carpigiani, delegato Si Cobas – è inaccettabile. Non solo i lavoratori vengono criminalizzati sulla base di un parere, quello della commissione di garanzia, che dice che gli operatori della logistica non possono scioperare perché i prodotti Granarolo sono essenziali per la collettività. Ma non c’è alcuna garanzia che dopo la cassa integrazione proposta vengano riassunti”.

Così, saltata la trattativa, i picchetti sono ricominciati. E proseguiranno, promette il sindacato, “finchè Sgb non ritornerà sui propri passi”. Lunedì 1 luglio Cgil, Cisl e Uil si riuniranno nuovamente in prefettura per stilare un nuovo accordo, ma Si Cobas, il sindacato dei facchini licenziati, non è stato invitato. “Nessun problema” rispondono i lavoratori della logistica, “noi continueremo a venire qui, davanti alla centrale del latte per manifestare”. “Nessuno può impedire agli altri di costruirsi un futuro e una vita dignitosa – spiega Hachmi, uno dei 41 ex dipendenti Sgb – nessuno può chiederci di spaccarci la schiena per poi pagarci una miseria, più o meno 500 euro al mese. La legge, oltre a essere scritta, dovrebbe anche essere applicata. I diritti dove sono? Sotto le scarpe di chi non ha scrupoli?”.

“L’accordo che i confederali hanno accettato è irregolare – sottolinea Aldo Milani, segretario di Si Cobas – potevamo anche accettare la cassa integrazione, sebbene ingiusta, ma sulla base delle condizioni espresse da Sgb è ovvio che sia solo un mezzo per liberarsi dei lavoratori. Noi rivendichiamo solo due diritti: quello di un salario equo, e la dignità. La sinistra bolognese ne parla spesso, eppure le cooperative emiliano romagnole sono tra le peggiori, in termini di diritti”.

Modificato dalla redazione web alle 20.05 di Lunedì 1 luglio 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, gomme bucate all’auto dell’esponente che sollevò il caso Idem

prev
Articolo Successivo

Molo Street parade: la festa dopo il nubifragio tra turismo e polemiche

next