Philadelphia, delirio metropolitano: bloccato nel traffico con moglie e figlie è anche Gerry Lane (Brad Pitt), ex agente Onu in zone di guerra. Ma non è il solito ingorgo: elicotteri, poliziotti, qualcosa non va. La città è preda del caos e vittima del virus homo homini lupus: un morso diffonde il contagio, la rabbia diventa bestiale… l’uomo zombie. Gerry riesce a fuggire e a ricevere la telefonata salvavita: il suo ex capo Thierry manderà un elicottero a prelevare la famiglia, a patto che lui torni a disposizione delle Nazioni Unite per salvare l’umanità. I suoi cari al sicuro in alto mare, gli zombie sugli scudi, Gerry parte in tour mondiale: come, dove, perché ha avuto origine la pandemia? Prima tappa, la Corea del Sud, dove incontra un agente Cia corrotto (David Morse) che lo reindirizza in Israele: il Mossad ha convinto il governo a erigere l’ennesimo Muro, ma stavolta in funzione anti-zombie. Gerusalemme è salva, ma per quanto?

Dal libro di Max Brooks, è World War Z, diretto dall’altalenante artigiano Marc Forster(Monster’s Ball, Quantum of Solace) interpretato e prodotto da Brad Pitt, uno degli ultimi divi globali. Uno status che è croce e delizia, e questo tormentatissimo film conferma: lo spirito inclusivo di Mr. Pitt e della sua casa di produzione Plan B ha cambiato le immagini in tavola, tanto che le sequenze mostrate due mesi fa dalla distribuzione Universal e il film finito (da oggi in sala) non collimano. 

Se già il romanzo distopico di Brooks era stato violentato (per dirne qualcuna, Israele abbandonava i Territori palestinesi e fronteggiava la rivolta degli ebrei ultraortodossi, Iran e Pakistan si annientavano con l’atomica, la famiglia reale saudita distruggeva i pozzi petroliferi…) a più riprese dalle riscritture del copione, qualcosa è mutato ancora al montaggio definitivo: il residuo zombie-movie dalle implicazioni geopolitiche e dall’abbondante ricorso al plasma in chiave gore ha lasciato il posto a una versione riveduta e corretta per famiglie, della serie “e sopravvissero felici e contenti”.

Prevedibili polemiche, violenza e war-movie sono finiti nel fuoricampo: la Corea del Nord ridotta a una linea di dialogo, del Vaticano temerariamente (lo scandalo pedofilia…) trasferito a Dublino nessuna traccia, le incursioni splatter emendate da un editing anemico. Così, Brad Pitt si è autocostretto a girare il mondo come una trottola, fare incontri tanto fugaci da sembrare fedifraghi – c’è anche il nostro Pierfrancesco Favino, ricercatore a Cardiff – e scamparla in prima persona singolare. E autistica: taglia qui e ritaglia lì, trama e ordito risentono dell’Odissea rimaneggiata, stigmatizzano le ellissi e tradiscono plurime incongruenze.

Se Forster non ha alcun potere contrattuale, il direttore della fotografia tre volte premio Oscar Robert Richardson dicunt se ne volesse andare: paradosso, World War Z avrà un sequel. Tant’è. Troppo preso dalla sua immagine Mr. Pitt, troppo tremebondi gli Studios – Paramount – per non tornare sui propri passi, con quattro occhi al box office: del resto, ha recentemente vaticinato Spielberg, se oggi tre film a grosso budget (World War Z è costato 190 milioni di dollari) floppano, Hollywood va a gambe all’aria.

Dunque, Gerry/Brad elegge la soldatessa israeliana Segen a dama di compagnia e si limita a mandare cartoline in (nocivo) 3D dall’apocalisse, sacrificando il ritmo, anestetizzando il pathos, rinfoderando la spada di Damocle. I non-morti al ralenti di Romero (e Brooks) nel cassetto, i 28 giorni dopo di DannyBoyle ricordati senza profitto, World War Z riesce nondimeno nel miracolo: dichiarare guerra agli zombie facendo pace con le famiglie. Sì, mancano solo le Sister Sledge sui titoli di coda: We are Family.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Atletico Minaccia Football Club: Marsullo tiene cazzimma

next
Articolo Successivo

Emergenti: Io non sono Bogte, riflessi di un declino discografico

next