Meravigliose vacanze con super sconto. Non solo politici, che negano,  come aveva rivelato l’Espresso, ma a usufruire di tariffe agevolate per soggiornare nei villagi Valtur – il tour operator commissariato e per cui è stato trovato un acquirente in Orovacanze – ci sarebbe stato anche Beppe Grillo. Secondo Panorama il comico genovese e leader del Movimento 5 Stelle, dal 2002 al 2007, con i suoi familiari e amici avrebbe soggiornato nei villaggi ottenendo sconti fino al 70 per cento. Il leader del M5S è uno dei nomi di vip – l’Espresso aveva individuato Schifani, Alfano e altri – che avrebbero ricevuto un trattamento di favore dalla società guidata a lungo dall’imprenditore trapanese Carmelo Patti su cui è stata aperta un’inchiesta dalla Procura di Trapani sui suoi rapporti con il boss mafioso Francesco Messina Denaro e suo figlio, Matteo, latitante dal 1993. 

Secondo il magazine avrebbe trascorso le vacanze nelle strutture Valtur di Baia di Conte in Sardegna e al Sestriere. Gillo avrebbe ricevuto un “trattamento anche superiore rispetto a politici. Alcuni dei nomi di questi politici erano già noti nelle scorse settimane ma, singolarmente, del caso Valtur non si è fatto cenno sul blog di Grillo” scrive il settimanale. Che fa sapere di aver chiesto all’interessato di fornire delucidazioni, ma di non aver ricevuto risposta. In un’occasione, a Sestriere nel 2002, risulterebbe dai documenti che Grillo non pagò i 12mila euro del conto per un “cambio merci”, probabilmente per uno spettacolo agli ospiti del villaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco, rivoluzione in Vaticano: c’è la commissione ad hoc per lo Ior

prev
Articolo Successivo

Frode fiscale, Finanza Milano sequestra beni per 10 milioni di euro

next