In un Paese in cui il catalogo di letteratura lo stila Fabio Fazio, è senza dubbio vergognoso chiedersi chi sia Claudio Magris. Illustre germanista, traduttore (tra gli altri) di Arthur Schnitzler e Henrik Ibsen, ex senatore, l’autore del libro “L’infinito viaggiarefinito sui banchi dei maturandi per la prima prova scritta dell’esame di Stato è personaggio ben noto nell’ambiente culturale (l’anno scorso Mondadori gli ha dedicato un volume della prestigiosa collana dei Meridiani) e volto televisivamente conosciuto. A quelli che guardano “Che tempo che fa“, s’intende. 

La scelta di Magris è stata giudicata rivoluzionaria: mai il Ministero aveva optato per un autore vivente, mai per uno i cui saggi si trovano nello scaffale “Novità”. Poche ore dopo l’apertura delle tracce, i social network brulicavano di commenti e richieste d’aiuto. I siti di informazione hanno fatto a gara nel copiare per primi la pagina di Wikipedia dell’autore (ancora da completare, in verità) per dare ai lettori qualche informazione in più sul novello rottamatore di Pirandello.

Nonostante i meriti, indiscutibili, dell’autore de “L’infinito viaggiare”, è legittimo che in questo momento quei diciottenni tirati su a dosi massicce di Vittorio Alfieri e Gabriele D’Annunzio si stiano domandando chi diavolo sia il professor Magris e perché mai dovrebbero essere in grado di dare (citiamo dal terzo quesito della traccia d’esame) “un’interpretazione complessiva del testo proposto facendo riferimento [attenzione attenzione!] ad altri testi di Magris“.  Nelle scuole superiori, l’insegnamento della letteratura del Novecento è ancora molto carente: si resta mesi su Svevo e Pirandello, poi a ridosso degli esami si fanno Ungaretti, Montale e Saba in una settimana. Al Postmoderno non si arriva neppure all’università. Qualche docente illuminato avrà accennato qualcosa su Dario Fo, premio Nobel, ma difficilmente avrà preparato a dovere i suoi studenti su Magris. 

A questo punto, la domanda è: che senso ha fare una scelta innovativa alla maturità se poi non si rinverdiscono i programmi? L’impressione è che la scuola perseveri in una certa direzione, quella della formazione tradizionale, della educazione classica che, facendo i dovuti distinguo, finora ha funzionato, e che il Miur vada in tutt’altra, fingendo di guardare alla modernità senza dare a chi la scuola la fa tutti i giorni gli strumenti necessari per trasformarla. Il risultato è che al centro della contesa restano i ragazzi, incolpevoli, disorientati e, ahi loro, ignoranti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inseguendo l’utopia nel romanzo di Max Bosso

prev
Articolo Successivo

Firenze, Pantheon nazionale con vista cesso

next