Sono almeno tre i colpi di fucile sparati contro l’automobile di Domenico Princi, di 41 anni, il geometra comunale di Calanna (Reggio Calabria) ucciso in un agguato. La vittima era a bordo della sua Fiat Bravo e stava andando al lavoro quando, a circa un chilometro dal centro abitato è scattato l’agguato lungo la strada che collega Calanna e Rosalì.

Il killer, probabilmente nascosto lungo la strada, ha sparato contro l’automobile della vittima due colpi di fucile caricato a pallettoni. Princi, forse ferito, ha perso il controllo dell’automobile che si è fermata poco dopo. L’assassino, secondo una prima ricostruzione, si è quindi avvicinato all’automobile ed ha sparato il colpo di grazia contro il geometra. Subito dopo l’autore dell’omicidio ha fatto perdere le sue tracce. Al momento non è stato ancora accertato se l’autore fosse a bordo di una moto o di un’automobile. Non è esclusa la presenza di altre persone. Princi è stato raggiunto in diverse parti del corpo ed è morto all’istante. Il tecnico, incensurato, non aveva mai avuto problemi con la giustizia. A Calanna lo descrivono come una persona tranquilla e sempre cordiale con tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Morena Funari contro Minoli: “In Rai infangata la memoria di mio marito”

prev
Articolo Successivo

Olanda, uccisero guardalinee al termine di un match. Condannati sei adolescenti

next