C’è un dato che, più di molti altri, fa capire quanto pesa la crisi economica che sta attraversando l’Italia. E’ il bilancio del ministero dell’Interno per la criminalità nel 2012, che mostra un aumento soprattutto di furti e scippi, i reati legati di più alle condizioni di povertà e disperazione dei cittadini. I dati riportati dal Sole 24 Ore mostrano un aumento complessivo dei delitti pari all’1,3%, uno scarto poco significativo. Colpisce però l’impennata di furti (+15,5%), borseggi (+11%) e scippi (+13%).

Aumentano quindi i tipici reati legati alla crisi economica, mentre calano del 5% gli omicidi volontari, dopo il rallentamento del 15% tra il 2006 e il 2010. Lo stesso fenomeno si sta registrando in questo periodo anche in altri Paesi europei in difficoltà. Come la Francia, per esempio, dove i furti in abitazione sono saliti del 14,7 per cento. Le province italiane più sotto pressione, calcolando il totale dei delitti in rapporto alla popolazione, sono le grandi realtà come Milano (8.400 reati ogni 100mila abitanti), Rimini (che grande diventa d’estate con l’arrivo di turisti e rischi al seguito), Bologna e Torino (tutte oltre quota 7mila), Roma, Genova e Firenze (sopra 6mila). Mentre le province che migliorano più spiccatamente sono Teramo, Sondrio e Macerata.

Tra le categorie di furti spiccano quelli in casa, aumentati del 16% a quasi 237mila. Seguono i borseggi, che si avvicinano a quota 150mila in rialzo dell’11%, ma ancora lontano dal picco del 2007 (oltre 160mila) e le autovetture rubate (127mila). Sono poi salite dell’8% le frodi (quasi 114mila), del 5% le rapine (42mila casi) e del 14% gli scippi, arrivando a sfiorare i 20mila casi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inter e Juventus. Profanazione e secolarizzazione

prev
Articolo Successivo

Cosa significa esser felici? Fare il lavoro che si ama

next