Basta, il tempo è scaduto. Sul matrimonio gay non si può più discutere, dialogare, cercare un compromesso, ascoltare Chiese di ogni tipo o assecondare gli istinti più bassi di una certa destra omofoba o di baciapile bacchettoni fuori dalla storia.

Non si può tollerare alcun rinvio. Tantomeno compromessi al ribasso. Niente unioni civili o firmette davanti al notaio. È tempo di equal marriage, è tempo di pari diritti per tutti.

Personalmente non sopporto più di vivere in un paese arretrato, senza diritti né dignità. Non tollererò più chi non capisce, chi non vuole capire, e soprattutto chi capisce perfettamente ma tace. Non accetterò sotterfugi, mezze frasi, doppie vite. È tempo di uscire allo scoperto, di chiedere a gran voce quella dignità negata per troppo tempo.

Ieri a Roma decine di migliaia di persone lo hanno fatto con orgoglio, libere di essere chi sono senza dover spiegare niente a nessuno. Lo hanno fatto in una città recentemente liberata da una destra lobotomizzata da vecchi e stantii machismi senza più un senso, una destra lontana dalle altre destre liberali e persino conservatori degli altri paesi dell’Occidente. E lo hanno fatto anche a dispetto di una sinistra pavida, timida, timorosa di urtare sensibilità fasulle che nascondono solo intolleranza e odio nei confronti di chi è diverso dal loro modello integralista e fanatico.

Da oggi in poi, bisognerà testimoniare quotidianamente che tutti gli uomini sono uguali, che tutti hanno diritto di essere felici e persino di sbagliare, che tutti devono potersi sposare, avere figli, persino divorziare e litigare in un’aula di tribunale.

È una questione di banalissima normalità, non c’è niente di eccezionale o di strano in queste sacrosante richieste. E se la classe politica non è pronta, peggio per lei. Mai più discriminazioni omofobiche. Mai più bullismo nelle scuole. Mai più pestaggi e omicidi. La comunità gay di questo paese chiede a gran voce libertà, dignità e diritti. Lo fa memore delle lacrime versate, delle famiglie che non sono riuscite a capire, delle discriminazioni sul posto di lavoro, dell’infelicità che a volte si nasconde in una vita che potrebbe essere perfetta, se solo si accettasse di riconoscere la cosa più umana, naturale e normale del mondo: l’amore.

Matrimonio per tutti. Adesso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Infanzia, giornata del bambino africano: a Nairobi Amref insegna il teatro

next
Articolo Successivo

Gay pride 2013: orgoglio di libertà

next